Oratorio Salesiano Chioggia

  • Calle don Bosco 361, 30015 Chioggia (VE)
  • Tel + Fax: 041 400 365
  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • MGS

Dove va la catechesi in Italia?


In attesa di un Documento condiviso sulla catechesi
E’ una domanda impegnativa, cui non è facile rispondere e che si coglie tra le righe del seminario di studio promosso dalla Commissione episcopale per la dottrina della fede, l’annuncio e la catechesi, organizzato dall’Ufficio Catechistico Nazionale (UCN) della CEI e svoltosi a Roma dal 28 al 30 novembre 2011 sul tema: L’ascolto per il discernimento.
Innanzitutto la catechesi italiana non vive un momento di stanchezza, anche se talvolta le catechiste e i presbiteri impegnati nell’annuncio del Vangelo potrebbero essere comprensibilmente stanchi. Essa si trova in transizione: dal modello offerto dal Documento di Base (RdC) “Il rinnovamento della catechesi” (1970) ‐ la magna charta della catechesi italiana del post Concilio ‐ verso nuove forme nate dall’attenzione alla situazione di missionarietà delle nostre comunità e sostenute da alcune Note del Consiglio permanente Cei degli anni ’90 dedicate all’iniziazione cristiana. Sono in corso in alcune diocesi ‐ lo attestano il Presidente e il Segretario di tale Commissione episcopale, il vescovo di Albano mons. Marcello Semeraro e quello di Adria‐Rovigo mons. Lucio Soravito ‐ sperimentazioni di cammini di iniziazione alla vita di fede dei fanciulli e ragazzi, di proposte di primo annuncio e di mistagogia, di itinerari di formazione cristiana per giovani e adulti. Ed è giusto dare un rinnovato slancio di vitalità alla grande schiera delle/dei catechiste/i italiane/i ‐ sono oltre 200.000 secondo l’ultima indagine nazionale (2004) ‐ che attendono un chiaro segnale da parte dei Pastori per il cambiamento nell’annuncio del Vangelo oggi.
La catechesi però non è solo opera di singoli pionieri o di personalità eccezionali, è impegno di tutta la Chiesa: la trasformazione della catechesi quindi cambia e rinnova il volto stesso della Chiesa. “La Chiesa fa la catechesi e la catechesi fa la Chiesa” (cf. H. De Lubac ed E. Alberich). Ora la Commissione episcopale ‐ con il seminario di novembre e altri appuntamenti in programma nei prossimi mesi ‐ vuole verificare, rilanciare la catechesi in Italia ed elaborare un nuovo “documento condiviso”, un nuovo Documento di base per un contesto socio – culturale e pastorale completamente cambiato, nell’orizzonte della nuova evangelizzazione. Non si tratta di smentire quanto fatto in passato, anzi punto di riferimento resta il RdC ‐
che è ancora valido sotto il profilo teologico e pedagogico ‐ tuttavia deve essere aggiornato per il mutato orizzonte culturale, sociale ed ecclesiale. La Commissione prevede di giungere nel 2013 al nuovo “Documento condiviso”, frutto di una consultazione e di un coinvolgimento corale della Chiesa italiana.

In ascolto dei cammini e delle esperienze regionali
All’ascolto in vista del discernimento contribuiranno indubbiamente ‐ secondo il Direttore dell’UCN , don Guido Benzi ‐ i 16 convegni catechistici regionali in calendario in questo anno pastorale ( tra aprile e settembre ), i quali avranno come principale obiettivo comune la verifica dell’iniziazione cristiana in vista di un nuovo “impianto”, che sostenga la scelta di divenire cristiani oggi. Ad esempio in Piemonte il convegno è previsto per il 29‐31 agosto, in Liguria il 20‐21 aprile, in Lombardia il 21 aprile, in Emilia – Romagna il 15‐16 giugno…


Il Convegno catechistico regionale nel Triveneto
Da noi è stato deciso ‐ in Commissione catechistica del Triveneto ‐ di vivere e celebrare il convegno in tre momenti, per coinvolgere maggiormente e più diffusamente gli attori – protagonisti dell’impegno per l’evangelizzazione e la catechesi : le équipes diocesane, i presbiteri e tutti gli operatori della catechesi. Non dobbiamo poi dimenticare che le nostre Chiese stanno preparandosi ad Aquileia 2, dove uno dei tre temi portanti riguarda proprio la nuova evangelizzazione.
Il tema è stato formulato così: “Come pietre vive” (1Pt 2,5). Rinnovare l’iniziazione cristiana nelle Chiese del Nord‐Est. Passi compiuti, prospettive intuite. Il primo appuntamento è per domenica 29 gennaio (ore 9.30‐17) a Zelarino, rivolto alle équipes diocesane della catechesi (per noi coordinerà il lavoro organizzativo il prof. Igino Battistella e Suor Idelma Vescovi con una quindicina di delegati); il lavoro coordinato da fr E. Biemmi verterà su “Un germoglio fiorirà…”Il rinnovamento catechistico in atto nelle nostre chiese: dalla consapevolezza di alcune priorità alle sperimentazioni. Il secondo momento, sempre a Zelarino, (“Grembo che genera”. Iniziazione cristiana e vita della comunità)è rivolto ai preti: martedì 28 febbraio (ore 9.30‐16) e la delegazione vicentina sarà guidata dal Direttore dell’Ufficio. L’ultimo è in programma a Padova (Multisala Pio X), sabato 9 giugno (ore 9.30‐16), con la presenza di un nutrito gruppo di operatori della catechesi: “Compagni di cammino”. Iniziazione cristiana e formazione degli operatori.

Antonio Bollin - La voce dei Berici

 

Domenica 29 gennaio 2012 – Centro Card. Urbani di Zelarino

“Un germoglio fiorirà…” - Il rinnovamento catechistico in atto nelle nostre chiese: dalla consapevolezza di alcune priorità alle sperimentazioni.

Incontro rivolto alle equipe catechistiche diocesane, ai collaboratori degli Uffici catechistici, ai coordinatori parrocchiali della catechesi e agli animatori della pastorale battesimale. A partire dalle acquisizioni legate alla più recente riflessione sull’iniziazione cristiana e alla catechesi che l’accompagna, verranno presentate alcune sperimentazioni in atto nelle nostre chiese. I partecipanti, nei lavori di gruppo, saranno chiamati a coglierne la ricchezza e a far conoscere altri tentativi di rinnovamento.

-------------------------------------------------------------------------------

Martedì 28 febbraio 2012 – Centro Card. Urbani di Zelarino

“Grembo che genera” - Iniziazione cristiana e vita della comunità.

Incontro rivolto ai sacerdoti del Triveneto. In che modo i processi di iniziazione cristiana interagiscono con la più generale vita della comunità? Quanto la comunità se ne assume l’onere e quanto da essi si lascia plasmare? I sacerdoti che hanno a cuore l’intera vita della comunità condividono esperienze, convinzioni, appelli rivolti alla catechesi. A partire dall’esperienza, tre parroci aiuteranno a cogliere nell’articolato quadro della pastorale le modalità in cui si inseriscono i percorsi dell’iniziazione cristiana. Nei lavori di gruppo si cercherà di comprendere quali strade sono realisticamente possibili e a quali condizioni. Su tali acquisizioni e su quelle già segnalate nell’appuntamento precedente interverrà anche fr. Enzo Biemmi.

-------------------------------------------------------------------------------

Sabato 9 giugno 2012 – Multisala Pio X Padova

“Compagni di cammino” - Iniziazione cristiana e formazione degli operatori

Incontro rivolto a tutti i catechisti, in particolare ai referenti parrocchiali. L’incontro sarà l’occasione per cogliere quanto di più interessante sta avvenendo nella catechesi triveneta, evidenziando prospettive e appelli rivolti alle chiese del Nord-Est e alla Chiesa italiana. Ci si confronterà in particolare sulle esigenze rivolte alla formazione dei catechisti e di quanti operano nei processi dell’iniziazione cristiana.

Materiale

Nessun Materiale

Tags

Nessun tag